Pillole di finanza dal 23 al 27 gennaio 2017

img_0027

Mercati finanziari : Dow Jones supera i 20.000 punti

▶️ Nuovi record a Wall Street

▶️ In attesa della volatilità

▶️ Migliorano gli utili aziendali

Il Dow Jones per la prima volta nella sua storia supera i 20.000 e l’indice Vix scende ai minimi degli ultimi due anni ,chiudendo l’ultima ottava a10,58.
Sono oltre settanta le sedute dello SP500 senza un calo superiore al punto percentuale e questo non accadeva dal 2006.
Il periodo tra la vittoria di Trump e il suo insediamento è stato tra i più profittevoli fra gli ultimi presidenti eletti , è evidente però che tale stato di grazia non potrà durare in eterno. Le uniche cose che hanno valore per i mercati finanziari non sono le opinioni sui primi provvedimenti che sta prendendo l’amministrazione Trump quanto gli utili aziendali delle società quotate che attualmente stanno in notevole miglioramento ,ma alle prime delusioni tornerà a farsi sentire la volatilità.

Settimana positiva per tutte le principali piazze azionarie mondiali , poco mossa Milano dove il risiko tra banche e assicurazioni sta portando sia volatilità che opportunità. Ancora debole il dollaro ma su livelli che rende felici un po’ tutti. Continua sia la risalita dei rendimenti obbligazionari che la fase laterale del prezzo del petrolio.

Federer torna a vincere un torneo del Grande Slam dopo 5 anni e a quasi 36 anni, complimenti a Re Roger e allo sconfitto Nadal .

Per oggi è tutto un saluto e alla prossima

Annunci

Pillole di finanza dal 16 al 20 gennaio 2017

img_0012

Mercati finanziari : Trump giura

▶️ Pochi spunti per l’azionario

▶️ Trump e i media

▶️ Salgono ancora i rendimenti dei bond

Sembra essersi esaurito il rally dei mercati azionari partito a novembre dopo l’elezione inaspettata di Donald Trump.
Venerdì c’è stata la cerimonia di insediamento ,con polemiche e scontri ,l’unica certezza che abbiamo è che il nuovo presidente non è amato dai media, ora però si inizia a fare sul serio.
Poco mossi tutti i principali indici mondiali. La resistenza dei 20.000 di cui avevo parlato alcune settimane fa si sta mostrando molto più dura del previsto da superare , nulla di preoccupante ma un ulteriore fase di consolidamento non è da escludere.

Il dollaro si mantiene debole ,1,0703 , sulle polemiche tra Stati Uniti e Cina ,il petrolio torna a salire chiudendo a 53,19 dollari al barile , lo spread rimane abbastanza stabile ma i rendimenti dei bond continuano a salire in modo costante ,il nostro decennale torna sopra al 2%. Il vix infine chiude sempre su livelli molto bassi ,a 11,54.

In attesa di qualche evento che possa muovere i mercati godiamoci questo periodo di tranquillità.

Per oggi è tutto un saluto e alla prossima.

Pillole di finanza dal 9 al 13 gennaio 2017

img_0008

Mercati finanziari : alla ricerca di una direzione

▶️ Buone le prime trimestrali

▶️ Impostazione ancora a rialzo

▶️ Il dollaro si prende una pausa

Doveva essere ,come sempre, Alcoa a dare il via alle trimestrali ma un inconveniente tecnico ne ha spostato la data al prossimo 24 gennaio .Sono state quindi le grandi Banche a dare il la alla tornata dei dati sugli utili dell’ultimo trimestre dell’anno : bene Jpmoran e Bank of America ,male Wells Fargo.
L’ultima ottava vede i principali indici azionari complessivamente positivi ,malgrado le notizie sul dieselgate che hanno colpito prima Fca e poi Renault , Meglio l’Europa del resto del mondo.
Piazza Affari arretra di poco meno di un punto ma il fermento che coinvolge il settore bancario fa ben sperare per il prossimo futuro.

Il dollaro arretra di oltre un punto nei confronti dell’euro(1,0641) ,il petrolio si indebolisce e chiude poco sopra ai 52 dollari al barile ,mentre lo spread torna sotto ai 160 punti malgrado i rendimenti del Btp e del Bund siano tornati a salire ,il Vix infine a 11,23 dimostra quanto sia attualmente tranquilla ma potenzialmente pericolosa la situazione sull’equity.

Venerdì 20 gennaio ci sarà l’insediamento del 45º presidente degli Stati Uniti d’America .Tanti auguri a Donald Trump.

Per oggi è tutto un saluto e alla prossima

Pillole di finanza dal 2 al 6 gennaio 2017

image

Mercati finanziari : a quando i 20.000 punti ?

▶️ Chi per primo

▶️ Iniziano le trimestrali

▶️ In attesa dell’insediamento di Trump

Il nuovo anno inizia in modo tranquillo e sono ben tre gli indici che flirtano con l’ importante livello dei 20.000 punti : Dow Jones ,Nikkei e FTSE Mib. Con la differenza che per la borsa americana sarebbe un record storico,per le altre due un timido segnale di ripresa dopo le delusioni del recente passato.
Continua il buon momento delle borse mondiali partito dai primi di novembre ma i volumi, ancora da clima natalizio,consigliano cautela ,in vista soprattutto dell’inizio delle trimestrali ,sulle quali il dollaro forte potrebbe aver causato qualche delusione : lunedì si parte con Alcoa.

La calma che si respira sull’equity non coinvolge gli altri asset finanziari ,con il petrolio che sale fino ai 54dollari al barile , lo spread torna quasi a 170 punti ,il vix si mantiene sotto ai 12 punti. e il cambio euro dollaro che si avvicina a 1,06.

Mancano poco più di 10 giorni all’insediamento di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti e solo dal 20 gennaio sapremo quali saranno effettivamente le prime decisioni del nuovo Presidente ,per ora l’unica cosa certa è che il Volo ha rinunciato a cantare alla cerimonia del passaggio di consegne da Obama al Tycoon ,sarà la storia a giudicare.

Per oggi è tutto un saluto e alla prossima.