Pillole di finanza del 1 gennaio 2018

Mercati finanziari : ancora in rialzo e sono nove

▶️ Bilancio 2017

▶️ Previsioni 2018

▶️ Raccomandazioni

Il 2017 sarà ricordato per essere stato un anno ,finanziariamente parlando , assolutamente privo di correzioni , lo S&P500 ha chiuso l’anno con un guadagno del 19,42% e ben 62 sedute record ,molto bene l’indice dei mercati emergenti con un + 35% in dollari , un po’ meno bene le piazze europee, penalizzate dal super euro, dove comunque svetta Milano con una performance del 15%.

La sorpresa dell’anno è stata a mio avviso la forte debolezza del dollaro che ha chiuso sui minimi dell’anno a 1,20 , in rialzo il prezzo del petrolio che nell’ultima seduta del 2017 ha superato i 60 dollari al barile , valori che non si vedevano dall’estate del 2015.

Lo spread Btp-Bund ,dopo aver superato i 200 punti ad Aprile ed essere sceso sotto i 140 a novembre ,chiude sostanzialmente sugli stessi valori di inizio 2017 ,162, punti , con rendimenti negli ultimi giorni in deciso rialzo e a marzo si vota. State lontani dai nostri titoli di stato.

L’indice Vix si ferma a 11,47 , con un minimo a 9,6 e un massimo a 16,65.
Difficilmente sarà sempre così.

Cosa attendersi per l’anno appena iniziato?

Tassi in progressivo rialzo , economie ancora in crescita , riduzione bilancio Fed.
Il cammino è segnato non resta che seguirlo con i soliti strumenti ( diversificazione, orizzonte temporale, soluzioni efficienti) e quando ci sarà uno stop chiedi cosa fare al tuo consulente finanziario.

Per oggi è tutto un saluto e l’augurio che possa essere un anno pieno di cose belle !
Felice 2018

Annunci

Pillole di finanza dal 4 al 8 dicembre 2017

Mercati finanziari : sarà la settimana delle banche centrali

▶️ Accordo sulla Brexit

▶️ Banche Centrali

▶️ Spread ai minimi di settembre 2016

Un primo storico accordo sulla Brexit da nuovo vigore agli indici azionari europei con Milano che chiude la settimana con guadagni superiore al 3% , in leggera flessioni le borse americane ad eccezione del DJ Trasporti a conferma della rotazione settoriale in atto.

L’ottava che sta per iniziare sarà caratterizzata dai meeting delle Banche Centrali (Fed,Bce e Boe) e da una serie di dati macroeconomici molto importanti un po’ ovunque. Appare certo un aumento dei tassi negli Stati Uniti tra 1,25 e 1,5 , ma come sempre saranno le parole che pronuncerà la Yellen nella conferenza di mercoledì 13 alle 20,30 a fare la differenza.

Si rafforza leggermente il dollaro che chiude a 1,1774 , in diminuzione il petrolio a 57,34 , lo spread Btp-Bund a 133,5 minimi da settembre 2016 e infine l’indice Vix che chiude a 9,58 , incurante delle tensioni geo-politiche in atto.

Per oggi è tutto un saluto e alla prossima.

Pillole di finanza dal 18 al 22 settembre 2017

Mercati finanziari : la Yellen é pronta a togliere i soldi

▶️ Da ottobre si ridurrà il bilancio della Fed

▶️ S&P declassa il debito cinese

▶️ Ancora dispetti tra Corea e Stati Uniti

A partire da ottobre la banca centrale americana non riacquisterà i titoli in scadenza, iniziando quindi a ridurre il suo bilancio che dal 2008 al 2014 si é quintuplicato. Tassi stabili ma le probabilità di un rialzo nell’ultima riunione dell’anno , il 13 dicembre salgono al 64%.

Settimana positiva per quasi tutti i principali indici mondiali, molto bene Tokyo e Milano che supera i 22.500 punti.
A poche settimane dal congresso del partito Comunista Standard & Poor ha declassato il debito cinese da AA- a A+ ma questo ,per ora ,non ha portato nessuna conseguenza sui mercati finanziari , resilienti anche alle continue dispute tra Kim e Donald.

Il prezzo del petrolio torna sopra ai 50 dollari al barile ,stabile il dollaro a 1,1957 sull’euro , poco mosso lo spread Btp-Bund a 171,6. Il Vix infine torna a ridosso dei minimi di sempre 9,59. Mi piace sottolineare come lo S&P500 nel corso dell’anno non abbia avuto nessuna escursione giornaliera superiore al 2% e questo non accadeva da molti anni.
Per oggi è tutto un saluto e alla prossima.

Pillole di finanza dal 3 al 7 aprile 2017

Mercati finanziari : venti di guerra

▶️ Trump cambia rotta

▶️ I Pir sostengono Milano

▶️ La settima del Risparmio

Trump cambia radicalmente strategia in Medio Oriente e nelle prime ore della giornata di venerdì sgancia 59 missili tomahawk sulla Siria , rea , a suo avviso , di aver usato armi chimiche contro i ribelli ad Assad.
Putin non la prende bene e quello che sembrava un amore eterno rischia di sfociare in una complicata situazione. Nel frattempo la Corea del Nord continua a stuzzicare gli americani e questo pure non è bello ,aggiungiamoci l’ennesimo attentato dell’Isis a Stoccolma e i dati negli Stati Uniti inferiori alle attese ( numero di nuovi occupati) e il quadro è completo.

E le borse in tutto questo che fanno ?
Nulla o poco più , lo S&P500 chiude la settimana in lieve calo ,con Milano addirittura positiva , sostenuta molto probabilmente dai forti afflussi sui Piani di Investimento di Risparmio (Pir) a sostegno delle piccole e medie imprese italiane.

Balzo in avanti dell’oro e del petrolio, si rafforzano lo yen e il dollaro che chiude l’ultima ottava sotto a 1,06. Lo spread torna a flirtare con i 200, livello quasi doppio rispetto ad un anno fa. Stabile il Vix a dimostrazione che in questo momento gli operatori sono più attenti agli utili aziendali che al contesto politico.

Martedì si apre l’ottava edizione del Salone del Risparmio , il cui tema principale è “Inseguendo la crescita “, appuntamento da non perdere per tutti gli operatori del settore.

Per oggi è tutto , buona Pasqua  e alla prossima.

Pillole di finanza dal 12 al 16 dicembre 2016

 

image


Mercati finanziari : prosegue la luna di miele

▶️ La Fed più falco non fa paura

▶️ Meglio l’Europa del resto del mondo

▶️ Il dollaro corre verso la parità

Tutti i componenti della Fed nell’ultimo meeting sono stati concordi nell’alzare ,a distanza di un anno ,i tassi di interesse di un quarto di punto portandoli tra lo 0,5 e lo 0,75 Una visione abbastanza ottimistica dell’ economia statunitense potrebbe giustificare 3 aumenti dei tassi per il 2017 , tutto scontato : nessuna reazione.

Gli indici azionari americani tirano il fiato e chiudono l’ultima ottava sulla parità ,con il vecchio DJ poco sotto ai 20.000 punti (i 10.000 furono toccati nel 1999),ancora bene le borse europee con Milano che in chiusura di ottava supera leggermente i 19.000,livello che non si vedeva da fine aprile. Male le borse asiatiche con l’eccezione di Tokyo che con l’ultimo rialzo ha azzerato le perdite accumulate nel corso dell’anno.
La rotazione fra gli indici e il risveglio di alcuni settori rimasti attardati nell’ultimo rialzo potrebbero rappresentare la benzina per un ulteriore allungo delle borse mondiali ,magari dopo aver “rifiatato” per qualche seduta.

Torna a diminuire lo spread (157,30) ,con i rendimenti del nostro decennale nuovamente sotto al 2% ,il petrolio prima si impenna e poi rintraccia chiudendo comunque in rialzo a 51,90 dollari al barile ,mentre l’indice Vix si mantiene sempre su livelli molto bassi (12,2).
Chi si rafforza è invece il dollaro che dopo il meeting Fed torna a marciare verso la parità nei confronti dell’euro e trova nuovo vigore verso tutte le altre valute.

La prossima domenica è Natale ,farò una pausa ,ma prima di fine anno ci rivedremo per un consuntivo di questo 2016 ,durante il quale sicuramente non ci siamo annoiati.
Buon Natele a tutti.